cancellieri sec. XVIII - 1757

Eletti tra i decurioni del Consiglio maggiore, nella sessione del consiglio maggiore del mese di gennaio – la pi¨ importante dell’anno, erano approvati dai presidenti “vecchi di numero” che quindi procedevano a dar lettura del “Capitoli dei cancellieri” che ne definivano competenze e funzioni. Queste riguardavano il tribunale delle vettovaglie, strade e sanitÓ sull’area urbana e sul territorio dell’intera provincia, la compilazione delle provvisioni, e, all’occorrenza, la tenuta dell’archivio; essi, inoltre, erano tenuti a sovrintendere a tutte le funzioni pubbliche, occupando “il secondo luogo” dopo il segretario (Conca 1991).

ultima modifica: 19/01/2005

[ Cooperativa MÚmosis - Lodi ]