Registro n. 11 precedente | 1078 di 1770 | successivo

1078. Francesco Sforza a Giovanni Mauruzzi da Tolentino 1453 marzo 16 Milano

Francesco Sforza vuole che Giovanni Mauruzzi da Tolentino, luogotenente di Cremona, lo informi entro quindici giorni sui diritti delle parti, premesso l'esame della vertenza riferita al duca da don Lorenzo Agnelli, rettore della chiesa di Santa Maria di Bordolano di Cremona, che, a suo dire, Ŕ ingiustamente infastidito dai sindici e procuratori della fabbrica dell'ospedale di Santa Maria della PietÓ relativamente ai beni del consorzio dell'ospedale o luogo pio, sito a Bordolano, unito con sentenza del precettore di Sant'Antonio, all'ospedale di Santa Maria della PietÓ di Cremona. Don Lorenzo contesta tale unione, fatta a suo giudizio nulliter et iniuste.

Domino Iohanni de Tollentino, locuntenenti Cremone.
Supplicato nobis parte don Laurencii de Agnellis, rectoris ecclesie Sancte Marie loci (a) Bordolani diocesis Cremone, quod ipse don Laurencius molestatur et perturbatur indebite per sindicos et procuratores fabrice hospitalis Sancte Marie de Pietate Cremone, electorum nomine communis Cremone, in rebus et bonis hospitalis consortii seu loci pii siti in dicto loco Bordolani, quod unitum asseritur per dominum preceptorem Sancti Antonii, assertum delegatum apostolicum, cum dicto hospitale domine Sancte Marie de Pietate Cremone per sententiam, ut asseritur, latam superinde per prefatum assertum delegatum quam unionem prefatam dominus presbiter Laurentius asserit indebite nulliter et iniuste factam. Quam ob rem scribimus vobis et volumus quatenus, vocatis vocandis, intelligatis et videatis iura in premissis partium predictarum et nobis infra xv dies ad tardius rescribatis ut convenientius superinde providere valeamus. Data Mediolani, ut supra.


(a) Segue Bordolani depennato.