Registro n. 11 precedente | 1174 di 1770 | successivo

1174. Francesco Sforza a Tommaso Tebaldi da Bologna 1453 aprile 4 Milano

Francesco Sforza preso atto della lagnanza del comasco Giorgio de Lavezariis, che s'Ŕ visto gravare del triplo nel nuovo estimo, vuole che Tommaso Tebaldi da Bologna, luogotenente di Como si informi delle facoltÓ del ricorrente e lo riporti ad una porzione giusta e proporzionata.

Domino Thome de Bononia, locuntenenti nostro Cumarum.
Sicuti per seriem annexe supplicationis clare intueri poteris, querimoniam nobis fecit Georgium de Lavezariis, civis noster Cumarum, ex eo quod in extimo, nuper facto in illa nostra civitate Cumarum, gravatus maiorem in modum preceteris fuerit et in triplo quidem. Quare, cum hoc tolerare nolimus, mandamus tibi et volumus, quatenus de condictione, facultatibus et bonis dicti supplicantis te diligenter informeris et exinde supplicantem predictum ad convenientem et supportabilem (a) portionem et reducas et reduci facias per modum quod iustam non habeat gravaminis causam. Data Mediolani, ut supra.


(a) Segue convenientem depennato.