Registro n. 11 precedente | 1180 di 1770 | successivo

1180. Francesco Sforza al podestÓ di Milano 1453 aprile 4 Milano

Francesco Sforza, ripetuto che i beni dotali sono degni di favore, vuole che il podestÓ di Milano, accerti quanto Ŕ contenuto nella supplica di Antonio da Turate e dal figlio Lorenzo, ingiunga al menzionato Ambrogio a di mantenere le promesse fatte e dare ai ricorrenti quanto loro Ŕ dovuto.

Potestati nostro Mediolani.
Cum res dotales omni honesto favore digne sunt, eapropter, attentis iis, que nobis significarunt Antonius de Turato et Laurentius, eius fillius, per tenorem introserte supplicationis mandamus tibi et volumus quatenus, habitis partibus et visa peticionis eiusdem continentia, si narrata ibidem vera sunt, eo casu compellas nominatum in ea Ambroxium ad observandum, omnibus iuris remediis, promissa per eum, (a) uti informatum esse diceris et debitum supplicantibus faciendum ullo penitus absque litigio, sicuti honestati pariter et iustitie consonum videtur. Mediolani, iiii aprilis 1453.


(a) Segue Ambros depennato.