Registro n. 11 precedente | 1221 di 1770 | successivo

1221. Francesco Sforza al vicario del podestā di Milano 1453 aprile 9 Milano

Francesco Sforza vuole che il vicario del podestā di Milano, preso atto di quanto contesta Giovanni Panigarola, intervenga a rendere equanimamente giustizia in modo che Giovanni non abbia a reclamare, come avviene nella sua supplica, che contro di lui e contro suo fratello Andrea, allora e ancora adesso detenuto, si č emessa una sentenza in violazione delle disposizioni statutarie milanesi a tutto favore di Leonardo da Binasco e di Luigi Moriggia.

[ 254v] Vicario potestatis nostri Mediolani.
Contra iustitiam, contra de huius nostre civitatis statutorum dispositionem, quasdam, asserit Iohannes de Panigarolis, civis noster Mediolani, sententias latas extitisse in favorem Leonardi de Binascho et Aluisii de Morigiis adversus Iohannem de Panigarolis, eius Andree fratrem, tunc et nunc detentum, sicuti inclusa eius petitio latius mentionem facit, quare, attentis in supplicatione ipsa recitatis, et ne supplicanti digna querelle prestetur causa, sed iusticie locus sit, committimus vobis et volumus quatenus de contentis in ipsa supplicatione informari summarie studeatis et superinde iurisdebitum administretis, per modum quod iniuste facta locum sibi nequaquam vindicent, quemadmodum nostre est intentionis. Data Mediolani, viiii aprilis 1453.