Registro n. 11 precedente | 1333 di 1770 | successivo

1333. Francesco Sforza al vicario del podestą di Milano 1453 aprile 18 Milano

Francesco Sforza, dato che deve seriamente impegnare Tamburino nei suoi servizi, il che non gli consente di essere in grado di assolvere gli impegni della causa, di cui nella supplica, vuole che il vicario del podestą di Milano convochi le parti e affidi l'appello a qualche bravo giurisperito di fiducia delle parti, anche di una di esse, in latitanza di proposta dell'altra, perché istruisca, esamini e porti, entro dieci giorni, con rito sommario,a compimento la causa come diritto vuole.

Domino vicario potestatis nostri Mediolani.
Habentes sedulo nostris in servitiis operari Tamborinum nostrum, adeo quod divitiis cause, de qua in annexa supplicatione exprimitur minime (a) possit asistere, ea de re commmittimus vobis et volumus quatenus, vocatis partibus, causam appellationis, de qua in supplicatione exprimitur, commitatis alicui probo iurisperito, partium confidenti, vel confidenti unius partis in contumatiam alterius suos dare confidentes nolentis vel negligentis, audiendam, cognoscendam et intra dies decem continuos ad tardius, post harum receptionem, terminandam et decidendam, prout iuri conveniet ac summarie et de plano, sine strepitu figura iudicii, ac ullo sine litigio, ut citius finem causa suscipiat. Data Mediolani, xviii aprilis 1453.


(a) Da Habentes a minime di altra mano.