Registro n. 11 precedente | 1451 di 1770 | successivo

1451. Francesco Sforza al podestÓ di Tortona 1453 aprile 29 Milano

Francesco Sforza invia al podestÓ di Tortona la supplica di Giacomo da Cerreto, figlio del defunto tortonese Giovanni, e vuole che convochi gli arbitri menzionati nella supplica costringendoli anche con precetti penali a fare gli arbitrati che devono e a procedere alla divisione dei beni secondo il compromesso fatto, curando che tutto avvenga nel pi¨ breve tempo possibile, in modo che si eliminino fraterne vertenze.

[ 300r] Potestati nostro Terdone.
Reddita est nobis parte Iacobi de Cerreto, filius quondam Iohannis civis nostre illius civitatis Terdone, supplicatio presentis involuta, cuius tenorem attendentes, mandamus tibi et volumus quatenus, habitis coram te arbitris in supplicatione memoratis, eos admoneas pariter et compellas sub illis preceptis penalibus, de quibus tibi videbitur, ad sua faciendum arbitramenta et bonorum huiusmodi divisionem iuxta dispositionem compromissi in eo facti, et premissa expediant in eo breviore temporis spatio quo fieri poterit, que res, omni ex parte, comendabilis erit, eo maxime ut scandola inter fratres subleventur pariter et litigandi materia. Data Mediolani, xxviiii aprilis 1453.