Registro n. 11 precedente | 1551 di 1770 | successivo

1551. Francesco Sforza al podestÓ di Pavia 1453 maggio 8 Milano

Francesco Sforza vuole che il podestÓ di Pavia, tenuto presente che l'istanza della causa di Bertolino Gazoti abitante a Port'Albera, Ŕ di poco scaduta per una sua pi¨ accurata istruzione, non tenuto conto di tale scadenza, renda giustizia con rito sommario in modo che il ricorrente abbia dal menzionato Stefano tutto quanto gli spetta per il mulino.

Potestati nostro Papie.
Tenorem incluse supplicationis Bertolini Gazoti, habitatoris terre nostre Portus Albare, attendentes maxime quod supplicanti culpa instancia cause, pro qua agitur, minime lapsa est, ut asseritur, utque causa convenientius et maturius cognoscatur, mandamus tibi et volumus quatenus, aliquo lapsu dicte instancie non attento, in causa eadem procedas et ius ministres summarie et de plano, sine strepitu et figura iudicii, facti veritate attenta et taliter quod supplicanti integre satisfiat per memoratum in ea Stefanum pro omni et eo toto quod debite, ex causa precii dicti molandini habere debuerit, sicuti honestum et iustum videtur. Data Mediolani, viii maii 1453.