Registro n. 11 precedente | 1596 di 1770 | successivo

1596. Francesco Sforza al capitano di giustizia 1453 maggio 12 Milano

Francesco Sforza comanda al capitano di giustizia che amministri speditamente giustizia ai contadini Antonio e Petrolo,fratelli da Cannobio, che accampano, in virtý della dote materna, diritti su una casa nel borgo di Porta Tosa, parrocchia di Santo Stefano in Brolio, occupata da tal Berino di Abbiate e da altri.

[ 327r] Capitaneo nostro iusticie.
Pretendeno Antonio et Petrolo, fratelli de Canobio, agricole, havere ragione per la dota materna super una casa posta in el Borgo de Porta Tonsa in la parochia de San Stefano in Brolio, la quale fi occupata per uno Berino de Habiate et certi altri. Pertanto volemo et commetemove che ali dicti frateli ministrati et faciati ragione summaria et expedite et absque litigio et expediando la causa ad tardius infra viginti dies post harum presentacionem. Data Mediolani, xii maii 1453. (a)


(a) A margine: Pro massario magnifici domini Cichi.