Registro n. 11 precedente | 1622 di 1770 | successivo

1622. Francesco Sforza a Branda Pusterla 1453 maggio 12 Milano

Francesco Sforza vuole che Branda Pusterla, commissario e podestÓ di Bellinzona se, secondo la commissione fattagli nei giorni passati in questa causa, avrÓ scoperto che della causa non fu fatta alcuna sentenza, e di avere solo dichiarato di ritenerla per fatta, in tal caso conceda ai ricorrenti, sempre se essi abbiano a ragione potuto ignorarla, il beneficio dell'appello da detta sentenza entro termini precisi, nonostante siano trascorsi i tempi fissati nel decreto ducale.

[ 333r] Brande de Pusterla, comissario et potestati Birinzone.
Attento tenore supplicationis hiis incluse, que equitate satis est suffulta, scribimus et committimus tibi quatenus, si iuxta commissionem superioribus diebus tibi per nos factam compereris latam in causa ista non fuisse sententiam aliquam, sed dumtaxat declaraveris sententiam haberi pro lata, tunc supplicantes istos ad beneficium interponende appelationis a dicta sententia admittas infra dies legiptimos a die tue declarationis ut supra numerandos, si tibi videbitur supplicantes predictos merito ignorare potuisse de dicta sententia, et hoc non obstante quod lapsi videantur dies per nostrum decretum ad appellandum dati et limitati. Data Mediolani, xii maii 1453. (a)


(a) A margine: Pro domino Antonio de Besana.