Registro n. 11 precedente | 1642 di 1770 | successivo

1642. Francesco Sforza al vicario del podestą di Milano 1453 maggio 15 Milano

Francesco Sforza, determinato a che la causa abbia una celere fine e che il menzionato Filippo non venga a lungo invischiato in contrasti processuali, ordina al vicario del podestą di Milano, che, intese le parti, affidi la causa d'appello a un giurisperito di fiducia delle parti, o di una di loro, in incuranza dell'altra a indicarne uno,perché la istruisca secondo la commissione al vicario fatta in primo grado, con l'obbligo di esaurire il ricorso entro quindici giorni.

[ 338r] Domino vicario potestatis nostri Mediolani.
Volentes cause, de qua in annexa supplicatione fit mentio, celerem imponi finem, cum maxime non intendamus pretactum in supplicatione dominum Filippum per litigia et temporum dilationes protrahi, ea de re vobis committimus et mandamus quatenus, vocatis partibus, causam appellationis eandem committatis uni iurisperito partium confidenti, vel confidenti unius partis, in contumaciam alterius suos dare confidentes nolentis vel negligentis, cognoscendam iuxta formam commissionis, quam vobis de principali causa fecimus, et intra dies xv continuos ad longius, post harum receptionem, sicuti etiam honestati convenit. Mediolani, xv maii 1453.