Registro n. 11 precedente | 1686 di 1770 | successivo

1686. Francesco Sforza al commissario e al podestÓ di Melzo 1453 maggio 17 Milano

Francesco Sforza comanda al commissario e al podestÓ di Melzo che, se constata essere conforme al vero la lamentela dal melzese Andrea Pizeno nei riguardi di Bartolomeo Vacari, non si impicci pi¨ della causa, ma la rimetta al podestÓ di Milano che la potrÓ meglio concludere. Gli si faccia sapere qualsiasi cosa scoperta in contrario.

[ 346v] Comissario et potestati Meltii.
Fecit nobis Andreas Pizenus de Meltio gravem de Bertolameo de Vachariis querelam, sicuti annexa ex sua peticione intelligatis, cuis attenta continentia et ne supplicans bono de opere molestiam patiatur, mandamus vobis et volumus quatenus, si narrata vera sunt, de huiusmodi causa, pro qua agitur, non intromittatis, sed partes hic ad potestatem nostrum Mediolani remittatis coram quo causa ipsa convenientius poterit terminari et decidi. Si tamen res aliter se haberet vel aliud iuridicum adesset in obiectum, de his volumus vestris avisari. Data Mediolani, xvii maii 1453.