Registro n. 11 precedente | 1709 di 1770 | successivo

1709. Francesco Sforza al podestÓ di Piacenza 1453 maggio 19 Milano

Francesco Sforza, in virt¨ di quanto gli hanno manifestato Lucoto e Guglielmo Bagaroti, abitanti di Castell'Arquato, oltre, beninteso, a quanto espostogli nelle lettere ducali, sollecita il podestÓ di Piacenza a smettere dall'interessarsi delle vicende giudiziarie dei due arquatesi, che non si riconoscono sotto la sua giurisdizione, e di rinviarli al loro giudice ordinario.

Potestati nostro Placentie.
Ex tenore introcluse supplicationis Luchoti et Guielmi de Bagarotis, habitatorum terre nostre Castri Arquati, intelleximus, sicuti contra eos invitos contraque dispositionem litterarum nostrarum, procedere videris, qui non intendimus causas ab earum ordinariis iudicibus deviari, de quo mirati sumus, et, ob id, tibi denuo mandamus et volumus quatenus, si iidem exponentes commisse tibi iurisdictioni non sunt suppositi, ut asserunt, eo casu de ea pro qua agitur, prout alias tibi mandamus, non impedias et partes remandes ad iudicem ordinarium facturum quod iusticie suadeat, denum taliter hac in re te habeas quod ulteriorem dignam obinde non sentiamus querimoniam. Data Mediolani, xviiii maii 1453.