Registro n. 11 precedente | 1736 di 1770 | successivo

1736. Francesco Sforza al vescovo e al suo vicario di Cremona 1453 maggio 19 Milano

Francesco Sforza chiede al vescovo e al suo vicario di Cremona di soprassedere nella causa tra Alessandro de Rubertis e Astesana de Madellis fino al suo prossimo ritorno quando prenderÓ di detta faccenda il dovuto provvedimento.

[ 356v] Domino episcopo et eius vicario Cremone.
Iustis moti de causis, ortamur vos et oneramus a procedendo in causa vertentis differentie inter Alexandrum de Rubertis et Astessanam de Madellis supersedeatis et supersederi penitus faciatis usque ad accessum et adventum ibi nostrum, et (a) erit propediem, facturi debitam (b), hac in re, provisionem. Data Mediolani, xviiii maii MCCCCLIII.


(a) Segue exit depennato.
(b) debitam in interlinea.