Registro n. 11 precedente | 1748 di 1770 | successivo

1748. Francesco Sforza al podestÓ di Pavia 1453 maggio 22 Milano

Francesco Sforza intendendo por fine alla vertenza tra il vescovo di Pavia e i conti de Langosco, ordina al podestÓ di Pavia di sollecitare detto vescovo che, entro un termine che gli fisserÓ, mandi uno dei suoi, bene informato del caso e con tutti i diritti rivendicati, dal Consiglio segreto. Altrettanto faccia con i Langosco in modo che i membri di detto Consiglio, messi a confronto i reciproci diritti, possano prendere una decisione.

[ 358v] Potestati Papie.
Comisimus inpresentiarum spectabilibus de Consilio nostro secreto vertentem diferentiam inter reverendum in Christo patrem dominum episcopum dile(c)tissimum nostrum (a) Papie, parte una, et nobiles comites de Langoscho, ex altera, (b) volumus igitur de causa fin(i)s imponatur debitus, prefatum dominum episcopum cummonefacias et certiorem reddas ut intra illum terminum, quem convenientem putaveris, ex suis aliquem de causa instructum trasmittat coram prefatis de Consilio nostro suis etiam cum iuribus, et similiter facias dictis comitibus, ita quod partes, sive pro eis agentes, dictis suis cum iuribus uno tempore sese conparere coram prefatis consiliariis nostris habeant, qui superinde facturi sunt quod iustitie videbitur consentaneum. Data Mediolani, xxii maii 1453.


(a) dile(c)tissimum nostrum in interlinea.
(b) Segue volimus depennato.