Registro n. 11 precedente | 1755 di 1770 | successivo

1755. Francesco Sforza al luogotenente di Parma 1453 maggio 21 Milano

Francesco Sforza vuole che il luogotenente di Parma, vista la supplica di Stefanino de Pesina e intese le parti, se ritiene che sia da concedersi l'appello, lo consenta in conformitÓ alle disposizioni statutarie cittadine come lo pu˛ il podestÓ.

Locumtenenti Parme
Committimus tibi et mandamus, consideratis expositis in inclusa supplicatione Stefanini de Pesina, quod, si, habitis partibus, dignoveris appellationi pro qua agitur et in supplicatione exprimitur, iuridice esse differendum, eo tamen dictam appellationis causam committas, iuxta dispositionem statutorum dicte illius nostre civitatis superinde vigentium, quemadmodum committere possit potestas ibi noster, si in illa civitate pariter adesset. Data Mediolani, xxi maii 1453.