Registro n. 11 precedente | 218 di 1770 | successivo

218. Francesco Sforza al Consiglio di giustizia 1452 luglio 6 presso Trignano

Francesco Sforza, informa i membri del Consiglio di giustizia di quanto si lagna il famigliare ducale Giannantonio da Figino: gli pare che quello di cui si parla nella supplica meriti, se vero, che sia giuridicamente revocato. Qualora le cose stessero, chiede che lo si accerti.

[ 66r] Dominis de Consilio nostro iustitie dilectissimis.
Conquestus est coram nobis Iohannesantonius de Figino, dilectus noster familiaris, sicuti per inclusa eius supplicationem cernere poteritis. Quamobrem, cum, ex causis ibidem in mediom deductis, honesta admodum expetere videatur, ea de re suspense, de qua in ea exprimitur, veris existentibus narratis, nobis visa revocanda et iustitia ministranda; uby autem res aliter se haberet, vel aliud (a) iuridicum adesset in oppositum, de iis vellemus a vobis effici certiores. Ex felicibus nostris castris apud Trignanum, die vi iulii MCCCCLsecundo.


(a) Segue in contrarium depennato.