Registro n. 11 precedente | 364 di 1770 | successivo

364. Francesco Sforza al referendario di Lodi 1453 gennaio 2 Milano

Francesco Sforza, premesso che i diritti delle donne vanno difesi e accresciuti al limite del lecito, dispone che, assicuratosi della veritÓ circa quanto esposto da Antoniola, vedova del maestro Bosio Albanino, e da Caterina, sposa di Martino figlio del defunto Bosio, il referendario di Lodi renda loro giustizia in modo che conseguano quanto Ŕ loro giuridicamente dovuto.

Refferendario nostro Laude.
Habebis his inclusam supplicationem, quam habuimus parte Antoniole, relicte quondam magistri Bosii Albarini, et Caterine, uxoris Martini, dicti quondam magistri Bosii filii, cuius serie inspecta, quia mulierum iura et thueri et adaugeri quantum fas sit disponimus, contentamur et vobis committimus quatenus, suscepta de naratis informatione debita super contentis in supplicatione, iusticiam ministretis in modum quod quicquid eisdem exponentibus iuridice ex causa, pro qua agitur, spectare dignoscatur, id ipsum citius assequi possint, sicuti nostre est intencionis. Data Mediolani, die ii ianuarii MCCCCLIII.