Registro n. 11 precedente | 384 di 1770 | successivo

384. Francesco Sforza al podestÓ di Salle 1453 gennaio 4 Milano

Francesco Sforza ricorda al podestÓ di Salle di avergli giÓ altre volte scritto su richiesta di Zanardi de Trovamalis, e di nipoti e consorti suoi, che dovesse accertarsi di quanto da loro esposto e notificargli quanto avesse scoperto, senza nel contempo intervenire.

Potestati nostro Sallarum.
Scripsimus alias tibi, sive precessori tuo, ad supplicacionem Zanardi de Trovamalis et nepotum ac consortium suorum tenoris introclusi deberes de expositis certiorari et nobis renunciare quicquid de eis compertum habuisses, nihil interim, in re, pro qua agitur, innovari faciendo vel permitendo, et prout in ipsis nostris litteris latius continebatur. Qua in re, quia nihil actum dicitur, eam ob rem mandamus tibi et volumus quatenus, sumpta de naratis informatione veridica, prout rem in facto se habere noveris, nos per tuas certiores efficias, quicquam interea in re ipsa per alteram partem innovari non permitendo. Data Mediolani, iiii ianuarii MCCCCLIII.