Registro n. 11 precedente | 494 di 1770 | successivo

494. Francesco Sforza al podestÓ di Pavia 1453 gennaio 16 Milano

Francesco Sforza, considerato quanto gli scrivono Leonardo Visconti e Antonio da Clusone e siccome le ultime volontÓ dei defunti debbono osservarsi come fossero legge, vuole che accertato il vero di quanto esposto dai ricorrenti, il podestÓ di Pavia provveda che essi abbiano dai beni lasciati dal defunto Giovanni Antonio da Brescia il corrispondente del loro credito.

Potestati nostro Papie.
Leonardus Vicecomes, dilectus noster, et Antonius de Clusono conquesti sunt coram nobis, sicuti ex tenore eorum supplicationis, quam videbis introclusam, intelliges. (a) Attentis igitur in ea narratis, quia defunctorum voluntates ultime loco legis observari merentur, mandamus tibi et volumus quatenus, si narata vera sunt, eisdem supplicantibus integre facias satisfierit de bonis, de quibus in supplicatione recitatur, relictis per dictum condam Iohannemantonium de Brixia usque ad concurentem quantitatem veri eorum crediti, ita quod, omni sublato litigio et temporis dillatione, supplicantes eiusmodi eorum satisfactionem omnino obtineant, sicuti nostre est intencionis. Mediolani, xvi ianuarii 1453.


(a) Segue Attendentis depennato.