Registro n. 11 precedente | 606 di 1770 | successivo

606. Francesco Sforza al podestÓ di Lodi 1453 gennaio 26 Lodi

Francesco Sforza vuole che il podestÓ di Lodi, aggiornato su quanto si contiene nella supplica di Giovanni di Cernusco, non consenta che il citato Bassiano nÚ altri per lui, sia costretto al pagamento del fitto dell'alloggio se non per il tempo che ne benefici˛. Se vi fosse dell'altro giuridicamente rilevante, glielo si faccia sapere.

Potestati nostro Laude.
A Iohanni de Cisnisculo, Mediolanensi, introclusam recepimus supplicationem, cuius tenore attento, mandamus tibi et volumus quatenus de narratis in supplicatione informari diligenter studeas, et exinde provideas quod memoratus Basianus nec alius pro eo, ad solutionem ficti dicti hospitii non artentur, nisi pro eo dumtaxat tempore, quo hospitio ipse gaudere potuit, ne ad (a) indebitum compellantur. Si tamen aliud iuridicum adducerentur in contrarium, vel res aliter se haberet, volumus a te de his certiores effici. Data Laude, xxvi ianuarii 1453.


(a) Segue debitum depennato.