Registro n. 11 precedente | 66 di 1770 | successivo

66. Francesco Sforza al luogotenente di Alessandria 1452 marzo 27 Milano

Francesco Sforza scrive al luogotenente di Alessandria che, vista la richiesta fattagli da Clemente Pelato di Castellazzo e considerato che la vertenza menzionata nella supplica Ŕ giÓ stata discussa e ultimata da un altro giudice, ritiene che, per minore danno delle parti, la controversia sia rimessa al giudice competente secondo il principio che dove ha avuto inizio una causa ivi abbia fine.

[ 41v] Locuntene(n)ti nostro Alexandrie.
Inspecta incluse petitionnis continenti(a) nobis exhibite parte Clementis Pelati de terra nostra Castelatii et attendentes quod controversia, de qua ipsa in supplicatione mentio fit, coram alio iudice principium habuit et quasi difinita et determinata sicuti narratur et iuri conveniat ubi inchoatum est iudicium ibi finiri debeat et terminari, scribimus tibi et volumus quod causam ipsam ad eorum iudicem competentem remittas ut controversia ipsa minore partium ipsarum incommodo debitum finem suscipiat. Data Mediolani, die xxvii martii MCCCCLsecundo.