Registro n. 11 precedente | 663 di 1770 | successivo

663. Francesco Sforza al podestÓ di Bellinzona 1453 febbraio 1 Milano

Francesco Sforza vuole che il podestÓ di Bellinzona, se Ŕ vero che le sentenze sono passate in giudicato, fissi le spese con cui soddisfare quanto spetta a Giovanni Moneta.

[ 146v] Potestati nostro Berinzone.
A Z(oh)anne Moneta de Leventina annexam recepimus peticionem, cuius tenorem attendentes et ut supplicans suum consequatur debitum, mandamus tibi et volumus quatenus, vocatis partibus, si ita est quod sententie transiverint in rem iudicatam, ut asseritur, eo casu declares expensas pro quibus agitur et pro eis satisfieri supplicanti facias, prout iuri conveniet, premissa expediendo summarie et ullo absque litigio. Data Mediolani, primo februarii MCCCCLIII.