Registro n. 11 precedente | 729 di 1770 | successivo

729. Francesco Sforza al vicario arcivescovile di Milano 1453 febbraio 6 Milano

Francesco Sforza precisa al vicario arcivescovile di Milano che relativamente a quanto gli scrisse il giorno prima ad istanza dei prevosti di Sant'Ambrogio e di San Giorgio di Milano per l'incendio del fieno nel giardino o tenda di Sant'Ambrogio, non era n sua intenzione che lui si astenga dall'amministrare giustizia contro detti prevosti o uno di loro. Lo sollecitava unicamente a servirsi di un consultore.

[ 160v] Domino vicario archiepiscopalis Mediolani.
Quidquid pridie, ad instanciam dominorum prepositorum Sanctorum Ambrosii et Georgii, huius nostre urbis Mediolani, pro combusto fenno superiore anno in paradiso seu cortina ecclesie Sancti Ambrosii, de qua combustione dicti prepositi presbiterum Aluisum de Giochis incusare videntur, vobis scripsimus, minime fuit, neque est intencionis, ut in ministrando etiam iusticiam contra ipsos prepositos et utrunque sive alterum eorum desistatis quovismodo, quia omnibus eque ius ministrari gaudemus et disponimus, contentamur et vos pariter hortamur ut super omnibus contra eosdem prepositos tam agitatis quam agitandis ius faciatis, habita tamen de premissis participatione cum consultatore quemadmodum in eisdem nostris litteris vobis scripsimus. Data Mediolani, vi februarii 1453.