Registro n. 11 precedente | 81 di 1770 | successivo

81. Francesco Sforza al vicario del podestą di Milano 1452 marzo 31 Milano

Francesco Sforza vuole che venga accertata la veritą di quanto dice Bono di Blenio, che rivendica il pagamento della mercede da parte del defunto Giacomo da Omate. Trattandosi di una faccenda che non vale sia trascinata in giudizio, il vicario del podestą di Milano induca gli eredi di Giacomo a soddisfare Bono, entro quindici giorni, per quello che pretende.

Domino vicario potestatis nostri Mediolani.
Prout ex inclusa intelligetis supplicatione, asserit Bonus de Blegnio se esse creditorem et occasione mercedis quondam Iacobi de Homate de certa pecuniarum quantitate, de quibus ex causis in supplicatione expositis satisfacionem consequi nequit suam. Quare, cum res huiusmodi litigiis non mereatur deduci, scribimus vobis et committimus quatenus, vocatis heredibus dicti quondam Iacobi, si exposita fore vera dignoveris, provideatis expedienter quod is supplicans indilate debitum suum consequatur et infra dies quindecim continuos a die harum presentationis. Data Mediolani, die xxxi martii MCCCCLsecundo.