Registro n. 11 precedente | 85 di 1770 | successivo

85. Francesco Sforza al luogotenente di Lodi 1452 marzo 31 Milano

Francesco Sforza scrive al luogotenente di Lodi di prendere sicure informazioni circa il contenuto della supplica di Visconte di Calestano dell'episcopato di Parma; accertato che l'autore della supplica stato defraudato, provveda a che egli sia indennizzato.

Locunten(en)ti nostro Laude.
Recursum ad nos habuit Vicecomes de Callestano episcopatus nostri Parmensis cum eius inclusa eius supplicatione. Compatientes igitur paupertati et condictioni eiusdem supplicantis, mandamus vobis et volumus quatenus de narratis in supplicatione veridicam habere curetis notitiam, et (si) constiterit supplicantem ipsum defraudatum esse et barratum, uti asseritur, eo casu provideatis circa supplicantis indemnitatem prout vobis (a) melius videbitur convenire. Data Mediolani, die ultimo martii MCCCCLII.


(a) vobis in interlinea.