Registro n. 11 precedente | 904 di 1770 | successivo

904. Francesco Sforza al podestÓ di Varese 1453 marzo 2 Milano

Francesco Sforza, ritenendo giusta la querela sporta dai dazieri di pane, vino e carni, ordina che, in contrasto a quanto dispongono gli statuti, nei giorni di mercato e di fiera, non si arresti nessuno nÚ si molesti alcuno in qualsiasi modo.

Potestati nostro Varisii.
Querelam, quam nobis fecerunt datiarii panis, vini et carnium burgi illius nostri Varisii, per annexam supplicationem clare intelligetis. Quare honestam putantes eorum requisitionem, mandamus vobis et volumus quatenus in diebus quibus sit ibi mercatum et fere continget neminem capi, sive aliter molestari quovismodo, preter dispositionem statutorum superinde permittatis, sicuti honestum censemus. Data Mediolani, ut supra.