Registro n. 11 precedente | 999 di 1770 | successivo

999. Francesco Sforza al podestÓ di Pavia 1453 marzo 9 Milano

Francesco Sforza scrive al podestÓ di Pavia che se Bartolomeo de Vellate, abitante a Zebido del capitaneato di Binasco, non Ŕ sottoposto alla sua giurisdizione, rimetta le parti al giudice competente che renderÓ loro giustizia.

Potestati nostro Papie.
Iniuriam nemini fieri intendentes, mandamus tibi et volumus, attenta continentia his involute peticionis Bartolomei de Vellate, habitatoris loci Zebidi, capitaniatus Binaschi, quod si idem supplicans commisse tibi iurisdictione suppositus non est, eo casu contra eum ad ulteriora non procedas, sed partes remittas ad iudicem competentem factarum superinde iusticiam, sicuti honestati convenit. Data Mediolani, die viiii martii 1453.