Registro n. 2 precedente | 338 di 1791 | successivo

338. Francesco Sforza a Pietro Paolo Pontani da Spoleto e al podestÓ di Melzo 1450 settembre 12 Milano

Francesco Sforza ordina che il nobile Filippo Visconti venga trattato con i suoi massari, fittavoli e coloni, dimoranti sulle sue terre, al pari dei nobili Visconti parenti del duca e pertanto che nei compartiti che si faranno in quel vicariato, detti massari, fittavoli e coloni non vengano gravati di alcun onere.

[ 137r] Capitaneo Martesane (1).
Est nostre intentionis ut nobilis Filippinus Vicecomes, genitor Iohannis cancellarii nostri dilecti, cum suis massariis fictabilibus colonis et hominibus super suis bonis manentibus, atque tolentibus, tractentur in omnibus quemadmodum tractantur ac tractabuntur reliqui nobiles Vicecomites affines et propinqui nostri, itaque volumus advertatis ne in compartitis facendis in illo vicariatu inter plebem et plebem ac inter locum et locum plebis Cornaliani dicti vicariatus, occasione occurrentium et occursurorum et aliquorum onerum, gravetur comune loci Cavaglioni suprascripte plebis Cornagliani pro dictis massariis fictabilibus colonis et hominibus Filippini memorati, quos deinde non faciatis vos nec permictatis ab aliis dictorum onerum causa aliquanto molestari. Mediolani, die xii septembris 1450.
Cichus.
In simili forma scriptum fuit potestati Melzii (2).


(1) Identificato come Pietro Paolo Pontani da Spoleto (cfr. SANTORO, Gli uffici, p. 203), tuttavia la sua nomina e l'inizio della carica (entrambe 1450 novembre 13) sono successivi alla data della missiva registrata.
(2) Non identificato (la carica Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici, p. 208, dal dicembre 1450 con Aimo Marliani).