Registro n. 2 precedente | 412 di 1791 | successivo

412. Francesco Sforza al capitano e alla comunitÓ di Monza e ad alcuni podestÓ e comunitÓ di altre localitÓ 1450 settembre 19 Milano

Francesco Sforza ordina a Lancillotto Beaqui e alla comunitÓ di Monza di consegnare a Rizzardo di Avignone due carri con uomini e vettovaglie e altre cose necessarie per cinque o sei giorni, per la costruzione del castello di Porta Giovia. Un carro singolo di altre localitÓ devono essere consegnati ad altri incaricati.

[ 150v] Capitaneo Modoecie (1) ac communitati ibidem.
Quod pro expedicione castri porte Iovis mittere debeant hic ad castrum predictum et consignare Rizardo de Avignone, ducali familiari presencium latori, carra duo fulcita hominibus victualiis et aliis necessariis pro quinque aut sex diebus. Data Mediolani, die xviiii septembris 1450.
In simili forma potestati (2) ac communitati Abiatis pro carris duobus.
In simili forma potestati (3) ac communitati Rosate pro caris duobus.
Nicolaus de Signore.

Carrum 1 pro qualibet similiterpotestati (4) et communitati BinaschiIacobus de Roma
potestati (5) et communitati Lactarelle
potestati (6) et communitati Siciani
Carrum 1plebsLocateIohannes de MediolanoGalupus
Locate
Carpiani
Carrum 1Landrianiparente fameglio
Videgulfi
Carrum 1BasicapetriBoldrinus, caballarius


(1) Identificato come Lancillotto de Beaquis (cfr. SANTORO, Gli uffici, p. 196).
(2) Non identificato (la carica Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici, p. 191, dal 1450 novembre 11 con Guglielmo da Baviera).
(3) Non identificato (la carica Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici, p. 194, dal 1450 novembre 1 con Giovanni Donato Antoni da Barzio).
(4) Non identificato (la carica non Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici).
(5) Non identificato (la carica non Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici).
(6) Non identificato (la carica Ŕ segnalata da SANTORO, Gli uffici, p. 215, dal 1450 novembre 1 con Omodei Marcolo).