Collezioni del Museo Diotti

Definizione: collezione

Tipologia: artistico

Datazione: 2007

Istituto di conservazione: Museo Diotti, Casalmaggiore (CR)

Consistenza

Dipinti, disegni, cartoni, stampe e sculture che vanno dalla fine del XVII secolo fino ai nostri giorni compongono il patrimonio del Museo, connotato in prevalenza da artisti di origine casalasca o cremonese, ma anche di importanti esponenti del panorama lombardo come Gaetano Previati, Paolo Troubetzkoy e Tranquillo Cremona. Oltre a Giuseppe Diotti, cui Ŕ dedicato il Museo, sono rappresentati artisti quali Marcantonio Ghislina, Gaetano Manfredini, Mario Beltrami, Giuseppe Giacomo Gardani, Mario Biazzi, Vindizio Nodari Pesenti, Arnaldo Tegon, Ugo Federici, Mario Sifola, Francesco Antonio Chiozzi, Paolo Araldi, Tommaso Aroldi, Amedeo Bocchi, Mario Beltrami, Gianfranco Manara, Aldo Mario Aroldi, Tino Aroldi, Goliardo Padova, Ercole Priori, Italo Lanfredini, Brunivo Buttarelli, cui si sono recentemente aggiunti Matteo Bergamasco, Giorgio Tentolini e Marco Lodola.

Notizie storico critiche

Aperto al pubblico dal 2007, il Museo Diotti Ŕ ubicato nel centro storico di Casalmaggiore in un antico palazzo che fu di proprietÓ del pittore Giuseppe Diotti ( 1779-1846). All'origine delle collezioni del museo Ŕ il nucleo delle Civiche Raccolte d'Arte del Comune di Casalmaggiore che era prima collocato nelle diverse sedi istituzionali (uffici e scuole). Sono poi andate ad aggiungersi importanti raccolte concesse in deposito da altri enti: dall'Azienda Servizi alla Persona Casa Leandra di Canneto sull'Oglio (Mn) Ŕ pervenuta la collezione di opere otto-novecentesche appartenuta a Pietro Mortara , dalla Fondazione Conte Busi Onlus di Casalmaggiore (riunisce le antiche Opere Pie) una nutrita serie di ritratti di nobili e benefattori e dalla Accademia di Brera opere testimonianti la formazione e il modus operandi di Giuseppe Diotti.