Architettura monumentale in stile greco romano con figure e sfondo montuoso

Palagi Pelagio

Architettura monumentale in stile greco romano con figure e sfondo montuoso

Descrizione

Identificazione: Architetture

Autore: Palagi Pelagio (1775/ 1860)

Cronologia: ca. 1800 - ca. 1824

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: carta bianca/ inchiostro bruno/ acquerellatura bruna

Misure: 310 mm. x 205 mm.

Notizie storico-critiche: La veduta rivela l'interesse di Palagi nei confronti dell'architettura classica: egli fu attento collezionista di antichità, reperti archeologici e numismatici, donati alla sua morte, per disposizione testamentaria, a Bologna, sua città natale. Se assai nota è la sua opera in qualità di pittore appare meno conosciuta la sua attività di decoratore, svolta soprattutto in Piemonte per i Savoia: nel 1833 egli ricevette da Carlo Alberto l'incarico di soprintendere ai lavori di arredo del Castello di Racconigi e l'anno successivo fu nominato pittore preposto alla decorazione dei Reali Palazzi; fu anche direttore della scuola di ornato all'Accademia Albertina di Torino. All'incirca a quest'epoca potrebbe risalire questa raffinata composizione, caratterizzata da un gusto solenne e da una calibrata resa luministica. L'ambientazione potrebbe far pensare a delle terme romane, come testimoniano la presenza della cisterna d'acqua e le figure panneggiate. Un'opera simile, dal titolo "Luogo di antichi bagni", si conserva presso il Museo Teatrale alla Scala di Milano (cfr. cat. n. 311, f. 264).

Collezione: Collezione di disegni di Riccardo Lampugnani del Museo Poldi Pezzoli

Collocazione

Milano (MI), Museo Poldi Pezzoli

Credits

Compilatore: Ranzi, Anna (2007)

Funzionario responsabile: Di Lorenzo, Andrea

Ultima modifica scheda: 28/05/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)