Astuccio

scuola Shibayama

Astuccio

Descrizione

Ambito culturale: scuola Shibayama

Cronologia: ca. 1875 - ca. 1899

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: legno; madreperla; avorio; pietre

Misure: 72 mm. x 30 mm. x 90 mm.

Descrizione: L'inro ha due soli scompartimenti, una forma rettangolare con quattro angoli stondati e lobati. Lungo tutto il perimetro corre un bordino rialzato. I quattro lati pi¨ stretti sono decorati con oggetti di ambito religioso ( due campane templari, un vajra, uno scettro ju-i, una pesca dell'immortalitÓ, vari contenitori e strumenti liturgici) e riserve polilobate nella tecnica dell'hiramaki-e ("pittura a oro cosparso piatto"), a oro e lacca rossa, su fondo di tipo gyobu-nashiji, tecnica consistente in un fondo a mosaico di piccole tessere di oro di grandezza e forma variabile. Le due facce di dimensioni maggiori mostrano - su un fondo di oro omogeneo sul quale si sovrappone l'intarsio di tasselli di pietre diverse, avorio e madreperla - altrettante scene raffiguranti l'apparizione di un fantasma ad una figura. Quest'ultima in un caso volge lo sguardo allo spettatore con le braccia conserte, mentre nell'altra scena Ŕ inginocchiata, con le spalle arcuate e le due mani a coprire il volto.

Notizie storico-critiche: Nonostante sull'inro non compaia nessuna firma, le tecniche con cui Ŕ stato realizzato permettono di avanzare un'attribuzione alla scuola Shibayama nel corso dell'ultimo quarto del XIX secolo. Per un inro caratterizzato da identica forma e analogo stile di decorazione, firmato Nakayama (Jahss - Jahss, 1971, p. 89, fig. 37).

Collezione: Collezione di netsuke di Giacinto Ubaldo Lanfranchi del Museo Poldi Pezzoli

Collocazione

Milano (MI), Museo Poldi Pezzoli

Credits

Compilatore: Morena, Francesco (2008)

Funzionario responsabile: Di Lorenzo, Andrea

Ultima modifica scheda: 28/05/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)