San Carlo Borromeo

Daverio Pietro Antonio

San Carlo Borromeo

Descrizione

Autore: Daverio Pietro Antonio, esecutore

Cronologia: post 1603

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: marmo

Misure: 54 cm x 35 cm x 80 cm

Notizie storico-critiche: Nelle carte ospedaliere si conserva la documentazione relativa a quest'opera: la deliberazione di far eseguire un busto commemorativo del santo risale al 1595 ma l'attuazione del progetto è del 1603, quando se ne registrano i pagamenti al Daverio in ragione di 25 ducatoni. Il busto, oggi ritirato all'interno, era destinato al frontespizio della crociera. Scegliendo il Daverio come esecutore dell'opera, il Capitolo ospedaliero non si rivolgeva a un artista di spiccata originalità ma a uno scultore che conduceva per il Duomo un'attività di routine, spesso traducendo in marmo i progetti del ben più geniale protostatutario Francesco Brambilla, piuttosto che operare di propria invenzione. Tuttavia nel busto ospedaliero emergono i caratteri di onesto mestiere propri del Daverio, artista privo di grandi risorse innovative, ma sobrio interprete, in questo caso, di un soggetto divulgato da un'iconografia ormai consolidata e dunque non facile da svincolare da un modulo ripetitivo. Pur rispettando precise esigenze di somiglianza fisionomica e rimanendo entro i limiti di un busto-ritratto di taglio convenzionale, il Daverio ne arricchisce la presentazione, altrimenti spoglia, con una serie di raffinati dettagli decorativi, dai busti dei santi che animano il piviale alle gemme che ornano la mitria vescovile.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte d'Arte dell'Ospedale Maggiore

Credits

Compilatore: Casero, Cristina (2002)

Funzionario responsabile: Caramel L.; Rovetta A.

Ultima modifica scheda: 09/02/2016