ANNUNCIAZIONE

Barbieri Giovanni Francesco detto il Guercino

ANNUNCIAZIONE

Descrizione

Autore: Barbieri Giovanni Francesco detto il Guercino (1591/ 1666)

Cronologia: post 1638 - ante 1639

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 219 cm x 305 cm

Notizie storico-critiche: V. Guazzoni (1988, scheda in, Ospedale Maggiore. Ca' Granda. Collezioni diverse, pp. 27-28, Q 38) ricostruisce con una certa completezza le vicende cronologiche riguardanti l'esecuzione e la consegna del dipinto, segnalando dal "Libro dei conti" di Paolo Antonio Barbieri, fratello dell'autore, la data del versamento della caparra di 100 scudi al luglio 1638 e quella del saldo di 400 ducatoni l'anno successivo, per un totale di 500 ducatoni di Bologna; anche i documenti ospedalieri registrano i corrispondenti passaggi; il dipinto ultimato il 13 marzo 1639 viene consegnato dal pittore ad Alfonso Curti, maestro di casa dell'Ospedale, recatosi personalmente a Cento per la consegna e il trasporto a Milano della tela; questa il seguente 20 marzo viene posta sull'altare maggiore della chiesa ospedaliera dell'Annunziata entro l'ancona marmorea appositamente scolpita dai marmorari G.B. Buzzi, M.A. Fossati e G. Ballabia. Il Guazzoni segnala, inoltre, i diversi interventi di restauro via via apportati sulla tela, della quale peṛ risulta ancora percepibile l'elevata qualità coloristica.
D. Mahon (1968, n. 83, pp. 148, 185; 1992, n. 115, p. 306) nella sua monografia sul pittore si limitava a segnalare, a proposito del dipinto dell'
Ospedale Maggiore, oltre all'iconografia giudicata piuttosto "tradizionale", l'esistenza di una lettera datata 10 febbraio 1639 (Bologna Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio, ms. B 153, n. 16) scritta da un "certo Fra Gioseffo", che ulteriormente ne confermava la paternità. Veloce anche il riferimento fornito a proposito della tela milanese da L. Salerno (1988, n. 177, p. 262).
Nonostante l'abbondanza dei documenti relativi alla chiesa dell'Annunziata non è facile seguire le vicende successive della pala, la cui sistemazione all'interno dell'edificio subisce nel corso dei secoli modifiche; in tal senso evento particolarmente significativo deve essere stata la costruzione dell'abside col relativo coro, realizzata tra 1851 e 1854 su disegno dell'architetto G. Besia. Non a caso per studiare il ricollocamento del dipinto viene costituita nel dicembre 1856 un'apposita Commissione di Pittura nominata dall'Accademia di Brera e presieduta da Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, e Giovanni Servi, che si occupa anche di sovrintendere al restauro del dipinto. Tale intervento ha di fatto comportato un ripensamento dell'intera area presbiteriale.

Collocazione

Milano (MI), Chiesa di S. Maria Annunciata

Ente sanitario proprietario: Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Credits

Compilatore: Squizzato, Alessandra (2005)

Funzionario responsabile: Caramel L.; Rovetta A.

Ultima modifica scheda: 08/08/2019