Ritratto di Lina Rossi Boschi

Lilloni Umberto

Ritratto di Lina Rossi Boschi

Descrizione

Autore: Lilloni Umberto (1898/ 1980)

Cronologia: post 1925

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 99 cm x 132 cm

Notizie storico-critiche: Lina Rossi (Bertonico, 1856 - Milano, 1925) sposò diciottenne Achille Boschi, industriale tessile proprietario dei primi telai per la lavorazione della juta esistenti in Brianza; rimasta vedova e morti i suoi due figli, continuò l'attività del marito occupandosi personalmente dell'industria. Beneficò l'Ospedale Maggiore con un lascito testamentario.
Il Consiglio Ospedaliero deliberò il 6 luglio 1925 l'assegnazione a Lilloni del ritratto e il 22 marzo 1926 l'accettazione del quadro ultimato, autorizzandone il pagamento. Lilloni accompagnò la consegna del dipinto con una nuova richiesta di lavoro, lamentando le difficili condizioni economiche dei giovani artisti.
Il ritratto è opera del suo periodo giovanile, che si concluderà con la mostra personale alla Galleria Bardi di Milano nel 1929 e la fondazione del gruppo dei Chiaristi milanesi. Caratterizzato da uno studio plastico della figura, da una materia compatta e densa e dall'uso di tonalità scure e biutminose, il dipinto è uno dei rari e significativi esempi di adesione di Lilloni a modi e temi di "Novecento" - che inaugurò la sua prima mostra alla Permanente di Milano il 14 febbraio 1926 - e in particolare alla ricerca intrapresa da Mario Sironi.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte d'Arte dell'Ospedale Maggiore

Credits

Compilatore: Pola, Francesca (2005)

Funzionario responsabile: Galimberti, Paolo M.

Ultima modifica scheda: 14/08/2013