Assonometria di banco

Montano, Giovanni Battista (bottega)

Assonometria di banco

Descrizione

Autore: Montano, Giovanni Battista (bottega) (1534 ca.-1621)

Cronologia: post 1582 - ante 1621

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: carta/ grafite/ inchiostro a penna/ acquerellatura

Misure: 319 mm x 207 mm

Descrizione: disegno che conserva tracce della preliminare costruzione a grafite eseguito con inchiostro bruno a penna utilizzando tiralinee e mano libera nelle parti ornamentali; le ombreggiature e i dettagli sono precisati con acquerellature di inchiostro bruno; il supporto sul quale tracciato di carta avorio

Notizie storico-critiche: Nell' "Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto nel paragrafo "Gabinetti" con la definizione "174 altra come sopra" [si legga: credenza].
Il disegno attribuito a Giovanni Battista Montano da Lynda Fairbairn (1998, p. 771), mentre Valeria Pracchi, su segnalazione di Anna Bedon, non lo ritiene montaniano. Dal confronto con il foglio in Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 6,112b recto, emerge chiaramente che la mano che ha tracciato il disegno oggetto della presente scheda la stessa: identici sono gli elementi decorativi e molto simile la soluzione compositiva, e quindi il disegno va assegnato ad un collaboratore di Montano. In merito all'individuazione del soggetto va detto che mentre la Pracchi lo individua come "banco", la Fairbairn mantiene l'identificazione del soggetto data da Sardini, "credenza". Alla medesima tipologia la Fairbairn associa disegni della collezione milanese (Milano, Collezione Sardini Martinelli invv. 5,2; 5,45; 6,51; 6,89; 6,97; 6,112b recto) cui aggiunge Roma, BAV, Ottoboniana lat. 3110 (fol. 25) che per presentano soluzioni compositive e dimensionali diverse, e andrebbero quindi estrapolati e classificati sotto altre voci. Il disegno oggetto della presente scheda un banco, manca infatti tutta la struttura superiore che invece ricorrente nelle credenze del XVII secolo.
Il mobile poggia su sostegni a doppia voluta cui corrispondono i basamenti di coppie di colonne ioniche. Gli sportelli, come nel disegno inv. 6,112b recto, sono decorati con doppie cornici (liscia quella esterna a ovuli quella interna), una testa leonina e un mascherone. Al di sopra della fascia corrispondente ai capitelli delle colonne, uniti tra loro da drappeggi, sono inseriti i cassetti.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Grafiche e Fotografiche del Castello Sforzesco. Gabinetto dei Disegni

Credits

Compilatore: Resmini, Monica (2011)

Funzionario responsabile: Dallaj, Arnalda; Scotti, Aurora

Ultima modifica scheda: 30/05/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)