Console

bottega lombarda?

Console

Descrizione

Ambito culturale: bottega lombarda?

Cronologia: ca. 1600 - ca. 1650ca. 1800 - ca. 1899

Tipologia: arredi e suppellettili

Materia e tecnica: legno di noce/ doratura/ intaglio; marmo

Misure: 131 cm x 68 cm x 93 cm

Descrizione: Gambe a volumi spezzati, rastremati sul fondo, decorate a volute e raccordate da traverse. Base del piano di marmo decorata con motivo a foglie d'acanto e festoni con fiori.

Notizie storico-critiche: La console è frutto di una ricostruzione ottocentesca fatta con materiali antichi. Proveniente dal legato del conte Alessandro Durini che donò nel 1939 al Comune di Milano la sua raccolta di oggetti d'arte, la console è frutto di una ricostruzione ottocentesca realizzata con materiali antichi. La forma piramidale delle gambe, collegate in basso da traverse, è ripresa dalle incisioni per arredi che Pierre Le Pautre, figlio dell'ornatista di corte Jean Le Pautre, diede alle stampe a partire dalla fine del Seicento. Tale modello di tavolo, che si discosta nettamente dai modelli barocchi romani per la geometria più rigorosa della struttura, incontrò soprattutto il gusto delle corti dell'Italia settentrionale. Ne troviamo appunto delle versioni più o meno elaborate nel Palazzo Reale di Genova e nelle residenze sabaude; mentre nell'Archivio di Stato di Parma si conserva un disegno per due versioni di un tavolo da muro di cui una con gambe piramidali.

Collezioni: Collezione dei mobili del Museo delle Arti decorative del Castello Sforzesco, Collezioni delle Civiche Raccolte d'Arte Applicata del Castello Sforzesco

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilatore: Colle, Enrico (1996)

Funzionario responsabile: Tasso, Francesca

Ultima modifica scheda: 05/01/2018

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)