Bacco allevato e nutrito

Maestro di Palazzo Lonati Verri

Bacco allevato e nutrito

Descrizione

Identificazione: Bacco allevato da Satiri, Menadi e da Sileno

Denominazione: Ciclo di Orfeo

Autore: Maestro di Palazzo Lonati Verri (attivo terzo quarto XVII secolo)

Ambito culturale: ambito genovese (?)

Cronologia: ca. 1650 - ca. 1660

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 280 cm x 350 cm

Notizie storico-critiche: Il dipinto appartiene al ciclo di ventirè tele raffiguranti animali vivi, resti zoologici e scene mitologiche divise tra la cosiddetta sala del Grechetto in Palazzo Sormani, un locale attiguo in quella sede e il Museo Civico del Castello Sforzesco di Milano. Nel loro insieme i dipinti creano un fondale paesaggistico di pura fantasia, dove radure si alternano a zone di vegetazione più lussureggiante, con fiori colorati che spuntano in mezzo a ciuffi d'erba e foglie lanceolate; qui specie animali europee ed extraeuropee sono disposte su piani diversi, ma sempre con fuoco ottico assai ravvicinato. Il ciclo si trovò a costituire, nella Milano del terzo quarto del Seicento, il più diretto parallelo figurativo al Museo scientifico del canonico Manfredo Settala (Milano, 1600-1680), nel quale era compresa una ricca sezione zoologica, dove, accanto ad alcuni animali impagliati, si conservano pelli di pantere e di leoni, crani di ippopotami, palchi di alce, corna di rinoceronte e zanne di elefante.

Collezione: Collezione di dipinti della Pinacoteca del Castello Sforzesco

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco

Credits

Compilatore: Morandotti, Alessandro (1996); Vecchio, Stefania (1996)

Funzionario responsabile: Basso, Laura

Ultima modifica scheda: 05/01/2018

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)