Natura morta con strumenti musicali e statuetta

Baschenis Evaristo

Natura morta con strumenti musicali e statuetta

Descrizione

Autore: Baschenis Evaristo (1617/ 1677)

Cronologia: ca. 1658 - ca. 1672

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: tela/ pittura a olio

Misure: 114,7 cm x 88,6 cm

Notizie storico-critiche: Andrea Marenzi eredit˛ l'opera prima del 1891dai parenti Secco Suardo e la lasci˛ in ereditÓ a Giovanni Giacomo Marenzi; il dipinto, quindi, pass˛ a Giulio e da lui a Giovanni che la don˛ alla Carrara, lasciandola in usufrutto per alcuni anni alla moglie Isabella Delmati Marenzi. L'opera Ŕ in pendant con una "Cucina", oggi in collezione privata a Torbiato: insieme costituiscono un raro esempio di "Cucina" e "Strumenti musicali" e documentano le correlazioni sia iconografiche che compositive tra le i due differenti tipi di nature morte. La scena, inquadrata da un tendaggio, dall'aspetto di un sipario, presenta da sinistra a destra, su un tavolo coperto da una tovaglia rossa, una statuetta virile, un'arpa, una mandola appoggiata su un cofanetto, uno spartito per musica vocale con testo casuale e quattro pentagrammi invece di sei, un liuto attiorbato con sopra un libricino e un violino su alcuni libri. La disposizione degli oggetti Ŕ regolata secondo rapporti geometrici sottolineati anche cromaticamente: ad esempio alcuni punti di luce bianca (la penna che spunta dal cofanetto, lo sparito, il libricino e la statuetta) sono ai vertici di uno schema romboidale, mentre il caldo colore dei legni dona raffinatezza all'insieme. L'opera Ŕ stata interpretata anche come "VanitÓ delle Arti Liberali", con riferimento agli strumenti (la musica), ai libri e al calamaio con penna (la poesia) e alla statuetta (le arti figurative). L'opera Ŕ databile tra il sesto e il settimo decennio, "agli esordi della fase cosiddetta barocca e pi¨ ornata, che sarÓ di esempio a Bartolomeo Bettera" (E. De Pascale, in "Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa", 1996, p. 156). La cornice risale al 1950.
Il dipinto, che Ŕ considerato uno dei capolavori del Baschenis, ha strette correlazioni con il dipinto con "Strumenti musicali", eseguito dallo stesso Evaristo e conservata a Rotterdam nel Boymans-van Beuningen Museum). Di esso sono note, inoltre, una dozzina di repliche con varianti, attribuite alla bottega e al Maestro "B. B.", che si trovano nella Galerie Morgan di Stoccolma (bottega di Baschenis Evaristo), in collezione privata a Bergamo ( Evaristo Baschenis), nella collezione Tencalla a Bissone (bottega di Evarist Baschenis), in collezione privata a Bergamo (cerchia di Evaristo Baschenis), al Museum of Fine Art di Boston (ambito bergamasco), in collezione Colleoni a Marne (ambito bergamasco), in collezione privata a Monza (bottega di Evaristo Baschenis), in collezione Gelmini a Gromo (BG) (ambito bergamasco) e in collezione Mascheretti a Pedrengo (BG) (ambito bergamasco).

Collezione: Fondo Carrara

Collocazione

Bergamo (BG), Accademia Carrara - Museo

Credits

Compilatore: Trichies, Silvia (1999)

Funzionario responsabile: Rossi, Francesco; Valagussa, Giovanni

Ultima modifica scheda: 15/06/2015

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)