Figure

Manzi Riccardo

Figure

Descrizione

Autore: Manzi Riccardo (1913/), autore

Cronologia: 1964

Materia e tecnica: pastelli colorati/ tempera su carta

Misure: 380 mm. x 490 mm.

Descrizione: un angioletto con un'ala spezzata, in piedi su una piccola nube, fa cenni al pilota e al passeggero di un aereo rosso che percorre il cielo; sfondo azzurro-blu

Notizie storico-critiche: Il disegno è una delle vignette realizzate da Manzi per il mensile "Successo".
Sul retro del foglio, scritta a mano dal disegnatore, vi è anche la didascalia con la battuta umoristica che accompagna l'immagine.
Sempre sul retro sono registrati inoltre, con appositi timbri, tutti i dati relativi all'ingresso del disegno in redazione prima della stampa ("27 Lug. 1964") e al numero della rivista su cui esso è stato poi pubblicato, a intera pagina (Successo 1964).
Il mensile "Successo" era edito dalla Aldo Palazzi, la stessa casa editrice del settimanale "Tempo illustrato" per cui Angela Candiani lavora tra il 1960 e il 1974: è a motivo di ciò, infatti, che la Candiani ricorda di avere conosciuto Riccardo Manzi (2000, comunicazione orale).
L'opera dunque entra a far parte della collezione Lajolo attraverso Angela Candiani, anche se, piuttosto che tramite Manzi stesso, è probabilmente tramite la redazione che in questo caso lei riesce ad avere il disegno dopo la sua pubblicazione.
Riccardo Manzi fa parte di quella minoranza di artisti presenti all'interno della collezione Lajolo che, legati alla Candiani e non a Davide Lajolo, non figurano tra i nomi di coloro dei quali lo scrittore si è interessato dedicando loro articoli e presentazioni di mostre.
Più legato al mondo dell'illustrazione che a quello della pittura, Manzi si dedica però anche a quest'ultima e ha modo di esporre il suo lavoro in diverse occasioni: tra esse, una mostra alla Saletta di Modena in cui è presentato da Alfonso Gatto (Gatto 1955).
Anche per quanto concerne strettamente la sua produzione di illustrazioni e vignette si è comunque discusso del valore pittorico in esse presente.
"Il problema resta se il segno grafico, rivestito di colore, sia pittura, se cioè la visione di Manzi sia anche pittorica oltre che letteraria": così commenta Giuseppe Longo nell'introduzione ad un libro del 1961 che raccoglie vignette umoristiche di Manzi sulla vita di coppia, concludendo infine che, coesistendo in lui gli echi di tutte le pittoriche e di tutte le più rinomate espressioni grafiche degli ultimi cinquant'anni come si riscontra nel lavoro di tutti gli artisti, egli può essere considerato pittore a pieno titolo (Vivere due, 1961).

Collocazione

Milano (MI), Collezione Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilatore: Mattio Fiorella (2007)

Funzionario responsabile: Ciottoli Sollazzo Nora

Ultima modifica scheda: 20/02/2014

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)