Suonatore

Manzi Riccardo

Suonatore

Descrizione

Autore: Manzi Riccardo (1913/), autore

Cronologia: post 1960 - ca. 1969

Materia e tecnica: pastelli colorati/ tempera su carta

Misure: 27,5 x 35,5

Descrizione: violinista raffigurato in piedi nell'atto di suonare; il personaggio rappresentato in maniera astratta, con una grande testa in cui i lineamenti del volto non sono chiaramente identificabili quanto piuttosto segni dal valore grafico; sfondo blu-verde

Notizie storico-critiche: Sul dipinto, accanto alla firma, segnata una data che per non risulta attendibile: vi si legge infatti "16", cosa impossibile dal momento che l'artista nato nel 1913.
Nonostante la scrittura appaia chiara, la sua lettura potrebbe forse essere interpretata diversamente; oppure, forse per una svista di Manzi, le due cifre potrebbero essere state invertite, per cui la data sarebbe da leggere come un "61".
L'ipotesi che questo lavoro sia stato eseguito nel 1961 assai credibile, in quanto la data sarebbe vicina a quella delle altre opere di Manzi presenti in collezione, essendo proprio tra il 1960 e il 1974 che si collocano i contatti tra lui e la collezionista, Angela Candiani.
L'opera infatti entra a far parte della collezione Lajolo attraverso la Candiani, che conosce l'autore nel periodo in cui lui collabora con l'editore Aldo Palazzi quando lei lavora per il settimanale "Tempo illustrato" (1960-1974), pubblicato dalla stessa casa editrice (2000, comunicazione orale).
Davide Lajolo invece non sembra conoscere Manzi, che non figura tra gli artisti dei quali egli si interessato dedicando loro articoli e presentazioni di mostre.
Il dipinto in questione sembra essere una prova di pittura distinta da quella che la produzione di vignette umoristiche per cui Riccardo Manzi noto come disegnatore.
Anche la sua pittura "una pittura che si legge", come la definisce Alfonso Gatto nella sua presentazione ad una delle prime mostre di Manzi come pittore. Gatto aggiunge riferimenti con l'opera di Dufy, Chagall, Klee e con "le figure ossessive e infantili" alla Dubuffet o alla Appel (Gatto 1955).
Come fa notare Giuseppe Longo nell'introduzione ad un libro del 1961 che raccoglie vignette umoristiche di Manzi "il problema resta se il segno grafico, rivestito di colore, sia pittura, se cio la visione di Manzi sia anche pittorica oltre che letteraria". Longo conclude infine che, coesistendo in Manzi gli echi di tutte le pittoriche e di tutte le pi rinomate espressioni grafiche degli ultimi cinquant'anni come si riscontra nel lavoro di tutti gli artisti, egli pu essere considerato pittore a pieno titolo (Vivere due, 1961).

Collocazione

Milano (MI), Collezione Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilatore: Mattio Fiorella (2007)

Funzionario responsabile: Ciottoli Sollazzo Nora

Ultima modifica scheda: 20/02/2014

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)