Contadino con pannocchia

Birolli, Renato

Contadino con pannocchia

Descrizione

Autore: Birolli, Renato (1905-1959), esecutore

Cronologia: post 1946

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 50 x 60

Notizie storico-critiche: L'opera venne acquistata al I░ Premio Suzzara (1948).
Forte demarcazione cromatica, impasto materico denso e segno angoloso e incisivo. Stile che, per la violenza di certe immagini, guarda al cubo-espressionismo di Picasso, e in particolare all'opera "Gatto che mangia un uccello" del 1939; mentre per l'uso di un cromatismo acceso e di un impasto cromatico denso, sembra rimandare alla tecnica cezanniana. L'opera intende rappresentare con durezza il dramma della fame.
Nasce a Verona nel 1905 e muore a Milano nel 1959. Intraprende gli studi artistici presso l'Accademia Cignaroli di Verona dalla quale viene espulso per
indisciplina. Nel 1927 si trasferisce a Milano dove affronta vari mestieri anche come decoratore. Nel 1929 lavora come correttore di bozze presso "L'Ambrosiano", dove conosce CarrÓ e Edoardo Persico allora direttore della Galleria Il Milione, presso la quale espone varie volte. Nelle opere degli anni '30 l'artista recupera un linguaggio figurativo caratterizzato da una certa spontaneitÓ, senza pero' mai abbandonarsi all'improvvisazione, ma cercando presupposti teorici per la sua pittura. Partecipa alla mostra "10 pittori" alla Galleria d'Arte di Roma e si avvicina al gruppo della Scuola Romana. Nel 1936 fa un viaggio a Parigi, dove ha la possibilitÓ di conoscere direttamente la pittura di Van Gogh e CÚzanne. Nel 1938 diviene animatore del gruppo
di "Corrente", si impegna in tutte le attivitÓ promosse dalla rivista e partecipa a tutte le mostre organizzate alla galleria Bottega della Corrente che poi prese il nome di Galleria La Spiga.Conosce Guttuso, Migneco e i poeti ermetici. Nei quadri del '36-'37 affronta tematiche impegnative come in "Il caos" e in "Eden", che poi abbandona per soggetti tratti dall'umanitÓ emarginata, come in "Zingari" (1938) e in "Saltimbanchi" (1938).Tra il 1937 e il 1938 viene
incarcerato per ragioni politiche. Scoppiata la guerra nascono i dissapori col gruppo di Corrente. Partecipa alla Resistenza e si iscrive al P.C.I. Di questo periodo una serie di disegni, intitolata "Italia '44", ispirata a personaggi e a scene di vita contadina. Il I ottobre 1946, assieme a Marchiori, Vedova e Santomaso sottoscrive il manifesto della Nuova Secessione Artistica che segna l'atto di fondazione del Fronte Nuovo delle Arti (I esposizione alla Galleria La Spiga nel 1947). Negli anni successivi compie viaggi in Francia e in Bretagna. Se i dipinti della fase di Corrente sono influenzati dall'espressionismo vangoghiano, quelli degli anni '40 si accostano al post-cubismo desunto dal Picasso posteriore agli anni '30. Negli anni '50 Birolli entra in contatto col "Gruppo degli Otto" e la sua pittura si avvicina ad un'indirizzo astratto-concreto, fino a giungere , nel 1958, alla completa rarefazione dei referenti oggettivi.

Collocazione

Suzzara (MN), Galleria Civica d'Arte Contemporanea

Credits

Compilatore: Montanari, E. (2001)

Funzionario responsabile: Negri, A.

Ultima modifica scheda: 06/08/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)