Zuppiera

SocietÓ Ceramica Richard

Zuppiera

Descrizione

Autore: SocietÓ Ceramica Richard (1840/ 1896)

Cronologia: ca. 1900

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: terraglia forte

Misure: 16 x 26 x 12

Descrizione: Zuppiera ovale con piccoli manici a voluta, coperchio con manico apicale a disco; decorazione di tipo orientale in marrone sul piede, sul corpo e sul coperchio, decorato anche all'interno lungo il brodo e sul fondo.

Notizie storico-critiche: La zuppiera (recipiente inv. n. 2405, coperchio n. 2404), Ŕ decorata a stampa sottosmalto. Questo ornato con paesaggio orientale di maniera fu reso celebre da piatti inglesi stampati (mediante torchio calcografico): pagode, giardini, corsi d'acqua, piante e fiori esotici, ponticelli. Il modello e il motivo decorativo "del salice" furono ripresi dalle manifatture italiane della seconda metÓ dell'Ottocento. "Indo cinese" Ŕ il nome con il quale gli Inglesi indicano la porcellana dura cinese che nel XVIII secolo fu prodotta anche in Europa. Le prime manifatture a utilizzare la decorazione a stampa mediante una lastra di metallo incisa furono le francesi e le inglesi; certamente la Wedgwood, la notissima fabbrica di terraglie e porcellane inglesi, fu tra le prime ad ottenere risultati importanti in questa tecnica. La tecnica fu importata in Italia intorno al 1820 e i primi tentativi pare si effettuassero presso ditte napoletane, finchÚ l'allora ditta di ceramica Richard si impadroný del nuovo metodo raggiungendo alti livelli nella fabbrica di San Cristoforo a Milano. All'inizio la S. C. I. di Laveno ricorse alla giÓ qualificata manodopera inglese, in seguito si affid˛ ai validissimi della Richard Ginori (Crippa, Brambilla, Artori).

Collocazione

Laveno-Mombello (VA), MIDeC - Museo Internazionale del Design Ceramico

Credits

Compilatore: Reggiori, Albino (1992); Sangermano, Nesta (1992)

Funzionario responsabile: Fontana, Liviana

Ultima modifica scheda: 17/09/2020

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)