Nelle vicinanze del lago

Anche i dintorni del lago, in particolare una Brianza ancora senza capannoni e villette, furono set per il cinema. Il regista tedesco Max Ophuls diresse uno dei suoi primi film a Canzo, nell’ampia villa liberty Magni-Rizzoli, oggi ristorante e centro congressuale. Qui si svolse buona parte del film La signora di tutti (1934), la tumultuosa storia di una femme fatale, interpretata da Isa Miranda, che si muove negli ambienti sfarzosi ed evocativi della dimora.

Quando iniziarono le riprese, la villa era stata appena riadattata su progetto dell’architetto Mario Stroppa e per incarico dell’editore Angelo Rizzoli che l’aveva acquistata da poco: al fantasioso revival neomedievale della costruzione originaria terminata nel 1906 dall’architetto Pietro Fenoglio vennero aggiunti particolari stravaganti come un piccolo teatro in stile greco.

Purtroppo poco emerge della ricchezza della villa dalle riprese di Ophlus, pił interessato alla psicologia dei personaggi che all’architettura. La signora di tutti venne apprezzato tanto da essere premiato alla II Biennale di Venezia con la coppa del Ministero delle Corporazioni.

Get the Flash Player to see this player.