Filtro fotografico di contrasto, giallo scuro

Filtro fotografico di contrasto, giallo scuro

Descrizione

Filtro fotografico costituito da un disco di vetro giallo scuro.

Funzione: I filtri gialli usati in fotografia in b/n contribuiscono a sottolineare il contrasto. In alternativa vanno impiegati con pellicole o lastre a colori ortocromatiche e pancromatiche e riducono la luce azzurra e violetta che giunge al negativo.

Modalità d'uso: Il filtro va anteposto all'obiettivo ed assorbe certe lunghezze d'onda o bande dello spettro cromatico della luce che lo attraversa. Per la correzione di valori cromatici e per speciali effetti si usano filtri di luce il cui colore e tonalità variano a seconda dello scopo che si vuole raggiungere. Usando lastre ortocromatiche, ad esempio, si rende necessaria l'applicazione di un filtro che lasci passare quei raggi dello spettro per i quali la lastra è resa maggiormente sensibile, solitamente giallo o verde a seconda del colore predominante del soggetto che si fotografa. Si utilizza un filtro giallo ad esempio per architetture, interni, riproduzione di quadri, fotografie in alta montagna. I filtri gialli esistono in diverse gradazioni. Il loro impiego, dato l'assorbimento di una certa quantità di radiazioni luminose, costringe ad un aumento del tempo di esposizione. Il fattore di questo aumento varia a seconda della luce, della sensibilità della pellicola e dei colori del soggetto.

Ambito culturale: manifattura

Datazione: ca. 1940 - ca. 1960

Materia e tecnica: vetro

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 0,2 cm x Ø 9,8 cm

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Hedgecoe J. "Fotografare : tecnica e arte", Milano 1976, pp. 216-217

Credits

Compilatore: Ranon, Simona (2008)

Funzionario responsabile: Ronzon, Laura; Sutera, Salvatore

Ultima modifica scheda: 08/08/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)