Torchio calcografico

Immagine non disponibile

Descrizione

Torchio calcografico in legno Costruito in Italia intorno al 1750 circa

Notizie storiche: Si tratta di un raro torchio calcografico in legno costruito intorno al 1750, proveniente dalla Casa Editrice Ricordi di Milano. Veniva utilizzato prevalentemente per la stampa di spartiti musicali con l'utilizzo di matrici metalliche in rame o acciaio. Nel procedimento calcografico, che risale alla prima metà del Quattrocento, il disegno viene inciso nelle diverse tecniche sulla lastra di rame o di zinco che vengono poi inchiostrate e pulite in modo che l'inchiostro rimanga solo nelle parti scavate. Per questo, detta incisione in cavo. Successivamente la lastra, coperta da un foglio di carta inumidita, viene fatta passare (azionando il volano a stella) sotto un cilindro in acciaio del torchio che, ruotando, applica la pressione necessaria all'impressione del cliché inciso. Pur essendo una tecnica tuttora molto usata nella produzione artistica, per lo stampatore di libri illustrati rappresentò uno svantaggio rispetto alla xilografia in quanto richiedeva di disporre di due torchi, uno tipografico per i testi e uno calcografico per le illustrazioni.

Materia e tecnica: legno; metalli vari

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 90 cm. x 180 cm. x 180 cm. (dimensioni)

Peso: 380 Kg. (peso)

Collezione: Collezione del Museo della Stampa e della Stampa d'Arte a Lodi Andrea Schiavi

Collocazione

Lodi (LO), Museo della Stampa e Stampa d'Arte a Lodi

Credits

Ultima modifica scheda: 20/10/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)