Museo fiorentino che contiene i ritratti de' pittori; consacrato alla S. Caes. M. Francesco I, imperadore

Billy Nicolò il Giovane; Campiglia Giovanni Domenico; Ghezzi Pier Leone

Museo fiorentino che contiene i ritratti de' pittori; consacrato alla S. Caes. M. Francesco I, imperadore

Descrizione

Titolo proprio: Pier Leone Ghezzi pittore

Identificazione: Ritratto di Pier Leone Ghezzi pittore

Autore: Billy Nicolò il Giovane (notizie sec. XVIII), incisore; Campiglia Giovanni Domenico (1692/ 1775), disegnatore; Ghezzi Pier Leone (1674/ 1755), inventore

Cronologia: 1752 - 1762

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: ritratto

Materia e tecnica: bulino

Misure: 166 mm. x 217 mm. (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: Il confronto con le fonti bibliografiche e con un esemplare conservato alla Civica Raccolta di Stampe "Achille Bertarelli" di Milano (Vol. CC 77), ha permesso di identificare questa stampa come una delle riproduzioni degli autoritratti di pittori conservati nell'allora Galleria Granducale di Firenze, attuale Galleria degli Uffizi, pubblicate in quattro volumi di 55 stampe l'uno tra il 1752 e il 1762 sotto il titolo di "Museo fiorentino" (Vol. I: 1752; vol. II: 1754; vol. III: 1756; vol. IV: 1762). Brunet informa altresì che tali quattro volumi, pubblicati anche separatamente, costituiscono i voll. VII-X di un'opera maggiore intitolata "Museum Florentinum". Purtroppo l'unico esemplare reperito del "Museo fiorentino" (quello della Bertarelli) è incompleto e a fogli scuciti, per cui non ci è stato possibile verificare l'informazione fornita da Le Blanc secondo cui il foglio qui catalogato si trovava a p. 219 del vol. IV.Brunet informa altresì che già nel 1748 erano state pubblicate cinquanta delle stampe che poi sarebbero entrate a far parte dell'opera completa e dice che tale prima edizione era senza scritte. Se così fosse, allora per almeno cinquanta fogli della serie esisterebbe uno stato ante litteram ed un secondo stato con le iscrizioni. Inoltre alcuni fogli conservati nel Fondo Calcografico della Pinacoteca Repossi e appartenenti a questa medesima serie portano un numero a cifre arabe nel margine inferiore, in basso al centro. Riteniamo si tratti di un numero d'ordine aggiunto in una edizione successiva a quella del 1752-1762, determinante un ulteriore stato della lastra. Stampa ritrovata l'8 gennaio 2001 nei cassetti segreti delle bacheche dei minerali di proprietà della Fondazione.

Collezione: Fondo Calcografico Antico e Moderno della Fondazione Biblioteca Morcelli-Pinacoteca Repossi

Collocazione

Chiari (BS), Pinacoteca Repossi

Credits

Compilatore: Brambilla, Lia (2003); Scorsetti, Monica (2003)

Funzionario responsabile: Belotti, Ione

Ultima modifica scheda: 28/05/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)