Raccolta di 324 ritratti di pittori eccellenti

Zuccari, Federico

Raccolta di 324 ritratti di pittori eccellenti

Descrizione

Titolo proprio: Taddeo Zuccheri Pittore

Identificazione: Ritratto di Taddeo Zuccari

Autore: Zuccari, Federico (1540/1541-1609), inventore

Ambito culturale: ambito fiorentino

Cronologia: ca. 1790 - ca. 1796

Oggetto: stampa a colori e colorata a mano

Soggetto: ritratto

Materia e tecnica: acquaforte/ bulino/ acquerellatura

Misure: 176 mm x 280 mm (intero)

Notizie storico-critiche: L'opera qui esaminata appartiene ad una serie di incisioni conosciuta come "Raccolta di 324 ritratti di pittori eccellenti", edita a Firenze da Niccolò Pagni e Giuseppe Bardi tra il 1790 e il 1796 (oggetto di accurata indagine di Laura Lanzeni, "Ancora su Carlo Lasinio e gli autoritratti di Galleria" in "Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz", 43, 2-3 (1999), pp. 665-691). Si tratta di una collezione di stampe che riproducono la celebre raccolta di autoritratti degli Uffizi, per la quale vennero riutilizzati rami incisi tra il sesto e il settimo decennio del XVIII secolo e già pubblicati nell'ambito del Museum Florentinum. Alcuni ritratti sono stati parzialmente reincisi per questa occasione, ma la successione degli stati non è precisabile allo stato delle conoscenze. Le novità introdotte dagli editori, forse per impulso del curatore (identificabile con riserve con Carlo Lasinio), consistevano nell'uso del colore e in alcuni accorgimenti nel trattamento materiale delle opere: le opere, impresse con l'innovativa tecnica del colore applicato direttamente sul rame "a la poupeé", erano sempre ritoccate all'acquerello; inoltre ciascun pezzo è il risultato di un collage di parti diverse: il ritratto, un margine inferiore con il nome e i dati biografici del personaggio, e le strisce marginali a cornicetta in quattro pezzi (da qui la scelta di utilizzare il termine "intero", desunto dal tracciato della scheda OAD) per indicare a cosa le misure si riferiscono.
Nell'esemplare della Carrara, dove la serie è incompleta e non rispetta l'ordine originale, ogni ritratto è fissato al centro della pagina di un volume (le pagine misurano 530 x 382 mm ca.), per un totale di quattro volumi. I volumi, con i piatti marmorizzati in colore verde, portano sul dorso un'etichetta a stampa con la scritta "RITRATTI DI PITTORI"; i tagli sono tinti di rosso.
Considerata la sua tarda cronologia, la raccolta, che trova un inquadramento coerente rispetto al gusto collezionistico del Conte Giacomo Carrara (1714-1796), dove ampia fortuna è accordata al genere del ritratto, sarebbe da trattare "come uno degli utlimi acquisti del conte Giacomo o tutt'al più come compimento di una sua più che probabile volontà" (Francesca Buonincontri, "Il fondo di incisioni dell'Accademia Carrara: una ricognizione" in "Giacomo Carrara (1714-1796) e il collezionismo d'arte a Bergamo, Bergamo", 1999, pag. 397-411, sp. p. 400). A questo si può aggiungere che dall'esame delle filigrane dei fogli di guardia dei volumi, dove compare il sole e la scritta EGA (altrove è una falce di luna), che ha riscontri in disegni di primo '800, si potrebbe ipotizzare che la sistemazione dei ritratti sulle pagine del volume sia stata successiva alla morte del Carrara.
Modello per questa incisione è il dipinto della collezione degli Autoritratti degli Uffizi (dipinto a olio su tela cm 100 x 85). La lastra fu realizzata ex novo per la serie "Raccolta di 324 ritratti di pittori eccellenti" (L. Lanzeni, Ancora su Carlo Lasinio e gli autoritratti della Galleria, in "Mitteilungen...", 1999, p. 687).

Collocazione

Bergamo (BG), Accademia Carrara. Gabinetto Disegni e Stampe

Credits

Compilatore: Penati, Anna Maria (2018)

Funzionario responsabile: Valagussa, Giovanni

Ultima modifica scheda: 11/11/2020

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)