Amorino / Filosofo e suoi discepoli

D'Arco Carlo; Lanzani Antonio

Amorino / Filosofo e suoi discepoli

Descrizione

Identificazione: AMORINI v. Putti; FILOSOFO; FIGURE MASCHILI

Autore: D'Arco Carlo (1799/ 1872), disegnatore; Lanzani Antonio (1805/ notizie 1820-1840)

Cronologia: post 1830 - ante 1837

Oggetto: stampa

Soggetto: archeologia

Materia e tecnica: acquatinta

Misure: 130 mm. x 232 mm. (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: La stampa fa parte di un gruppo di cinquantatre acquatinte non pił in volume riferite all'opera in tre volumi "Museo della Reale Accademia di Mantova" a cura dell'archeologo bresciano Giovanni Labus, edita a Mantova da Carlo D'Arco e dai Fratelli Negretti (stampa Tip. Virgiliana L. Caranenti, Mantova 1830, vol. I; tipografia di Omobono Manini di Milano, 1833 vol. II; 1834 vol. III . Il I vol. é senza autore). Il confronto con i volumi conservati nella Biblioteca Comunale di Mantova porta a riferire le stampe in esame alle uscite del 1830 (I volume), del 1833 (II volume) e del 1834 (III volume): ci sembra da escludere, invece, la loro appartenenza all'edizione del 1837 (stessi editori, stampa O. Manini di Milano, 3 v.), caratterizzata da acquatinte con un fondo particolarmente scuro, diverso da quello dei fogli del nostro gruppo.
I disegni forniti per la pubblicazione furono eseguiti dal conte Carlo D'arco, grande estimatore del valore storico-artistico della raccolta antiquaria costituitasi in seno all'Accademia di Pittura, Scultura ed Architettura nel cosiddetto Palazzo degli Studi a partire dalla seconda metą del secolo XVIII. D'Arco sarą anche convinto promotore della nascita del Museo Patrio o Civico di Mantova, che verrą inaugurato nel 1852 nella sale del Palazzo Accademico; le sorti del Museo Antiquario collocato nel Palazzo degli Studi, ceduto in proprietą dal governo al Comune di Mantova nel 1880, saranno le stesse del Museo Patrio: dopo la convenzione del 1915 tra Stato e Comune, infatti, entrambe le raccolte troveranno collocazione in Palazzo Ducale, dove tuttora gran parte dei pezzi qui illustrati si trovano.
L'acquatinta rappresenta un rilievo con amorino in marmo attualmente ritenuto della fine del XV sec., di ispirazione classica, e un frammento di rilievo votivo in cui si scorgono tre figure in processione.

Collocazione

Mantova (MN), Museo della Cittą

Credits

Compilatore: Marocchi, G. (2008)

Funzionario responsabile: Benetti, S.

Ultima modifica scheda: 13/07/2020

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)